Sempre ti farò innamorare

Parlando l’altra sera ti sei ricordato dove è morto Leopardi e ho esclamato d’istinto “così mi fai innamorare di nuovo!”. Non è stata una di quelle frasi che diciamo e volano via; è seguito un attimo di esitazione e la tua risposta “sempre ti farò innamorare” oggi suscita il pensiero che proverò a tradurre in scrittura.

Vero, promettiamo di amarci, onorarci, rispettarci, essere fedeli sempre, ma credo che dietro a questa formula ci sia molto altro, perché ogni parola attira su di sé un vortice di concetti. Presupposti, più precisamente.

Prima dell’amore

Il presupposto dell’amore è certamente l’essersi innamorati, un giorno più o meno lontano. Aver notato quella persona, quel carattere, quel dettaglio, quel tono di voce, può sembrare casuale. Tuttavia, la verità non sta tanto nella casualità o meno dell’incontro, bensì, nel fatto che non ci sia una spiegazione logica o razionale.

Il motivo per cui quella tua camminata, quella parola detta e raccolta dal mio cuore, quello sguardo e quell’incontro hanno fatto sì che un giorno una promessa così solenne diventasse il nostro desiderio più profondo, non è facilmente intuibile. Per quanto ci sforziamo di essere sempre super razionali, questo credo sfugga alla nostra mente.

Non si sa bene perché, ma ci siamo innamorati. Ora, se tutti ripensassimo a quando ci siamo innamorati della persona che abbiamo accanto probabilmente non saremmo in grado di individuare un unico momento, ma tanti piccoli istanti raccolti e custoditi dentro la memoria della nostra anima.

Dietro all’innamoramento di due persone c’è un disegno molto più grande di noi, del quale possiamo afferrare semplici gesti, alcune frasi o qualche carezza.

Presupposto dell’amore è l’innamoramento. Mia madre mi ha sempre detto questa frase “all’inizio ti deve sembrar di volare!”, così lei descrive questa fase. Io certamente non potevo essere presente quando si sono innamorati i miei genitori, ma sono testimone dei loro 30 anni di amore.

L’ho visti cadere, ma riprovare tutte le volte a rialzarsi e spesso mi è sembrato che volassero. Leggeri, con il loro carico di anni alle spalle; sorridenti, con i segni del tempo che trapelano dal loro sorriso.

A guardarli mi sembra che si possa sempre provare a volare e che non siamo destinati a ripensare ai bei vecchi tempi in cui si potevano osservare le cose dall’alto e tutto sembrava migliore.

Senza più farfalle

Allora, amore mio, tutto torna! Perché se ti ricordi che Leopardi è morto a Napoli a me davvero sembra di poter volare!
“Sempre ti farò innamorare” è molto diverso però dal desiderio di vivere perennemente con la sensazione delle farfalle allo stomaco. Prima o poi svanisce, e meno male!

Non potrei immaginare di vivere ogni incontro come se fosse il primo. L’ansia da prestazione, le mani sudate, uno sguardo allo specchio ogni dieci minuti per vedere se il trucco è ancora intatto; insomma, oggi sarebbe insopportabile vivere ogni giorno con questa sensazione addosso.

Oggi mi piace guardarti e intuire subito ciò che pensi, mi piace farmi vedere senza trucco perché secondo te sto meglio e il fatto che precluda ad altre persone di potermici vedere significa che solo con te mi sento davvero bella.

Buongiorno tutti i giorni

Direi che è una sfida ben più maggiore quella di vivere il nostro amore cogliendo allo stesso tempo nuovi istanti di innamoramento.
Oggi facendo le lodi mattutine insieme mi sono resa conto che la Quaresima sta per giungere a termine e la Pasqua di Resurrezione è imminente. Come tutti gli anni. Proprio come l’amore.

Tutte le mattine so che prendi il caffè e te sai che se c’è un ciambellone ad aspettarmi mi sveglio molto più felice (non si dice torcolo, non smetterò mai di sostenerlo, ma il marito è peruginissimo e credo ne rimarrà sempre convinto).

Tutti i giorni del tempo che ci verrà donato sarà così. E potrei elencare tantissime altre dinamiche, oramai diventate nostre. Durante il periodo di Quaresima ogni anno la Chiesa ci dà il buongiorno così:

“Nella santa assemblea, o nel segreto dell’anima, prostriamoci e imploriamo la divina clemenza. Dall’ira del giudizio liberaci, o Padre buono; non togliere ai tuoi figli il segno della tua gloria. Ricorda che ci plasmasti col soffio del tuo Spirito: siam tua viglia, tuo popolo, e opera delle tue mani. Perdona i nostri errori, sana le nostre ferite, guidaci con la tua grazia alla vittoria pasquale. Sia lode al Padre altissimo, al Figlio e al Santo Spirito, com’era nel principio, ora e nei secoli eterni. Amen”. 

Ha senso ripeterlo ogni anno? Andare a messa e ascoltare a rotazione sempre quelle letture? Ripetere l’Ave Maria cinquanta volte durante il rosario?

Beh, sarebbe come dire: ha senso dire buongiorno quando entro in ufficio ogni mattina? Ha senso ogni giorno preparare pranzo e cena alla mia famiglia? Dirsi ti amo se tanto già ce lo siamo detti? Dare un abbraccio a chi ci sta accanto se tanto già sa che gli voglio bene? Far sentire amato un figlio ogni sera raccontandogli una favola della buonanotte?

Mettiamola così: ci sono modi differenti di vivere una stessa situazione. Posso stufarmi di cucinare o di dire buongiorno col sorriso? Sì, certo! Appunto! Come possiamo dire che ogni giorno quel “buongiorno!” o quel pranzo saranno uguali? Speriamo che oggi non bruci tutte le volte la cena, e speriamo che quel “ti amo” oggi sia più sincero di quello detto ieri.

Il tempo è relativo, posso farlo diventare sempre nuovo, sta a me decidere come vivere.

Quello che sto cercando di dire, è che anche Dio ogni giorno vuole farci innamorare di nuovo. La fede è emblematica da questo punto di vista. Non è acquisita una volta per tutte. Come non vuol dire che se abbiamo l’anello al dito non dobbiamo curarci di quella relazione con dedizione e impegno perché tanto “ormai è fatta”.

A volte cadiamo, altre volte solo guardandoci ci sembra di volare. A volte quella messa non ci dice proprio niente, altre volte quella Parola aspettava proprio noi in quel momento.

La verità è che non lo sappiamo. Non sappiamo tante di quelle cose! Credo che l’azione più rivoluzionaria ed emancipatoria per la nostra vita sia quella di ammettere che stiamo cercando di mettere un piede davanti all’altro in questo cammino che è la nostra storia personale e universale. Sempre nuovo, sempre diverso, mai scontato.

Una promessa per tutti

Quando ci siamo innamorati credo che te non facessi molto caso a Leopardi, come io non sarei mai finita in uno store manga in Giappone, non me ne importava nulla. Oggi però sappiamo queste cose, allora direi che possiamo aggrapparci ad esse e costruirne ogni giorno di nuove.

Sempre ti farò innamorare è una promessa sulla nostra vita. Un sigillo con il quale possiamo chiudere le nostre giornate. Una boccata d’aria fresca durante un litigio. Una speranza nei nostri occhi. Una mano tesa verso di noi, che spesso ci sentiamo sbagliati o inadatti. Lo sguardo di Dio sulla Sua Creazione. Sguardo che possiamo assumere anche noi sulla nostra vita. 

Comincia la discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *